Make your own free website on Tripod.com

home

logo4.jpg (14043 byte)

Nei giorni 25 e 26 settembre 1999 a Challand, in Valle d'Aosta ospiti del Consorzio Ittico Regionale, si è svolta la quinta riunione annuale dei soci della Thymallus Italia.

Durante la riunione sono stati resi noti i risultati di alcuni studi effettuati dalla società GRAIA su vari ceppi di Temoli. La dottoressa Stefania Trasforini ha reso noti i dati delle analisi sul DNA di Temoli appartenenti a diversi bacini (Adige, Adda e Sesia). I risultati evidenziano una significativa differenza genetica tra i Temoli pinna blu del bacino del Sesia e i temoli pinna rossa dei bacini dei fiumi Adda e Adige.

Il dottor Cesare Puzzi ha illustrato i risultati di uno studio relativo all'accrescimento e alla alimentazione. L'accrescimento è simile sia per i Temoli del Sesia che per quelli dell'Adda (17 cm.al primo anno, 27 al secondo, 35 al terzo). Nei fiumi Sesia e Adda l'alimentazione riscontrata nello stomaco di individui adulti è prevalentemente composta di ditteri e di larve di tricotteri negli adulti. Nel fiume Adige l'alimentazione è prevalentemente costituita di ditteri.

Il professor Giovanni Calabria, ordinario di oculistica all'università di Genova ha reso noti i risultati dei suoi studi sulla vista del Temolo. Molto interessante la sua teoria che la particolare acutezza visiva del Temolo sia dovuta alla forma "a lacrima" dei suoi occhi. Vista binoculare perfetta, ampio il raggio visuale sia in avanti che posteriormente. La visione binoculare e' possibile in quanto i suoi occhi orientati nella medesima direzione permettono ai due diversi angoli visuali di incontrarsi dando origine ad un'unica immagine collocata alla giusta profondità di campo rispetto agli altri oggetti.

Il dottor Gaetano Gentili ha esposto i risultati e le possibilità della riproduzione e allevamento dei temoli in cattività. Premessa che questi pesci non raggiungono la maturità sessuale in ambienti artificiali, il dottor Gentili ha evidenziato le non poche difficoltà di reperire riproduttori selvatici da spremere, vuoi per i livelli primaverili delle acque, vuoi per le diverse abitudini dei temoli maschi (facilmente recuperabili nei raschi mediante elettropesca ) da quelle delle femmine che invece rimangono in frega nelle buche più profonde.

La relazione annuale del presidente Nicola Di Biase ha concluso i lavori

 

per informazioni

wpe1.jpg (3765 byte)

  Thymallus 
piazza Tarantelli 6 
20010 Pogliano Milanese (MI) 
tel&fax 02 93548139
 
quota iscrizione 
Lire 60.000 per le società 
Lire 25.000 per singoli soci di società iscritte 
lire 40.000 per singoli soci
per associarsi c/c postale n.1743/4
intestato Banca di Legnano, agenzia di Pogliano Mialanese

/top/home/